Diocesi Portuense - PARROCCHIA DI SANT'ANGELA MERICI SANTA SEVERA DIOCESI SUBURBICARIA PORTO-SANTA RUFINA

  Parrocchia Sant'Angela Merici in Santa Severa
DIOCESI SUBURBICARIA DI PORTO-SANTA RUFINA
Vai ai contenuti

Menu principale:

Diocesi Portuense

COMUNICAZIONE DIOCESANA
Avvisi, Comunicazioni & Appuntamenti

Volete costruire la Chiesa?

Il Vescovo convoca la prima assemblea dei giovani
Ai giovani della Diocesi di Porto-Santa Rufina.
Carissimi,
“Volete costruire la Chiesa?”. Nella veglia celebrata sulla spiaggia di Copacabana papa Francesco chiese ad ogni giovane di mettersi in gioco per partecipare con responsabilità e creatività alla testimonianza che nel mondo devono offrire i discepoli di Cristo.
La suggestiva immagine del campo della fede, usata dal Santo Padre nella straordinaria notte della Giornata Mondiale della Gioventù, ci chiama ad essere promotori di speranza incarnata nel quotidiano, nelle nostre singole storie, in tutte le nostre attività, siano esse lo studio, il lavoro, il volontariato, lo sport e qualsiasi altra passione. Si tratta cioè di “sporcarsi le mani” senza paura di incontrare gli altri, ma entusiasti dei doni che la Parola di Dio ci fa vedere in tutto il creato e in ognuna delle creature. Questo perché dappertutto c’è l’impronta del Creatore.
Sta a noi annunciare agli altri che l’Autore della vita e della storia scrive la sua opera insieme ad ogni donna e ad ogni uomo, insieme a te, giovane o ancora ragazzo. Anzi, desidera che, attraverso la fede nella sua promessa, tutti diventino annunciatori e protagonisti del suo regno, per il quale la nostra speranza è certa e che, sappiamo, si costruisce giorno dopo giorno nella carità.
Per questo papa Francesco vi chiede di rispondere concretamente alla sua domanda, condividendo i talenti che nei giovani risaltano per la passione e sono di stimolo a tutti a partire da coloro che, più avanti negli anni, hanno forse dimenticato il sapore dell’audacia e sentono il bisogno di recuperare il coraggio di andare ai vari «i crocicchi delle strade» (Mt 21, 9).
La nostra Chiesa chiede questo coraggio e questa audacia soprattutto a voi giovani.
Perciò ho deciso di convocare la prima assemblea diocesana dei giovani di Porto-Santa Rufina, per i giorni 3 e 4 del prossimo maggio al Centro Pastorale.
Ogni giovane dai 16 ai 35 anni è invitato a partecipare e a condividere le giornate di riflessione e di discussione per aiutare la nostra Chiesa diocesana ad individuare strade nuove di evangelizzazione, con quella simpatia per il mondo che ci ha insegnato il Signore Gesù.
Questa nuova esperienza di comunione ecclesiale sarà per i giovani delle nostre comunità occasione di conoscenza reciproca, di allenamento a lavorare insieme e di percorsi di amicizia e fraternità, che porteranno a ridurre le distanze del nostro territorio e ad imparare a modellare una progettazione condivisa. La geografia della diocesi raccoglie storie molto differenti tra loro, ma questo non è un ostacolo alla definizione della sua identità, anzi rappresenta una densa trama che permette di tessere un abito pieno di colori.
Tuttavia la bellezza del disegno da realizzare dipende in gran parte dalla nostra disponibilità di saperci intrecciare armonicamente con tanti altri fili in un viaggio comune. Sono certo che la vostra assemblea entrerà in questa prospettiva rileggendo le parole che il Papa vi ha affidato nella Giornata Mondiale della Gioventù di Rio e il suo messaggio per l’incontro dei giovani del 2014 nel luminoso orizzonte delle beatitudini.
Avvertiamo che Papa Francesco chiede a tutti noi di riflettere insieme sulle sfide dell’oggi anche per saper proporre passi nuovi ed audaci alla nostra Chiesa diocesana.
Carissimi, vi chiedo di raccogliere questa proposta della nostra pastorale giovanile. Sarò contento di incontrarvi numerosi e di conoscere tanti altri giovani della diocesi accanto a quelli che vedo operare con vigore nelle nostre comunità parrocchiali.
Vi saluto con affetto e vi anticipo il mio augurio pasquale.

+ Gino Reali Vescovo

I sacerdoti aiutano tutti, aiuta tutti i Sacerdoti

Sui sacerdoti puoi sempre contare ora sono loro a contare su di te.

Ogni giorno, nelle Parrocchie italiane, 39 mila sacerdoti annunciano il Vangelo offrendo a tutti carità, conforto e speranza; sono un punto di riferimento sicuro, su cui possiamo sempre contare.
Oggi i sacerdoti non ricevono più la "congrua" dallo Stato. È giusto assicurare a ognuno di loro i mezzi necessari per una vita dignitosa e per lo svolgimento della propria missione.

I sacerdoti hanno tutti la stessa missione. Diamo loro gli stessi mezzi per poterla svolgere.

Ogni sacerdote dovrebbe poter contare almeno su 883 euro per 12 mesi. Solo per alcuni di loro, questa cifra è coperta dalle Offerte della propria comunità o da eventuali stipendi da insegnante. Per altri, invece, queste fonti non bastano e si deve ricorrere alle Offerte per il sostentamento: ecco perchè è così importante donare!


Offerte per i nostri sacerdoti. Un sostegno a molti per il bene di tutti.

Le Offerte per il sostentamento, aiutano tutti i Sacerdoti diocesani, in tutta Italia
Queste Offerte arrivano all'Istituto Centrale Sostentamento Clero e vengono distribuite tra tutti i sacerdoti, specialmente quelli che ne hanno più bisogno. In questo modo tutti î sacerdoti, anche quelli delle comunità più piccole e povere, potranno contare su una distribuzione equa delle Offerte. E, quindi, sulla generosità di tutti.


La tua offerta è deducibile.

Se vuoi aiutare tutti i sacerdoti diocesani in Italia, di seguito troverai le informazioni sulle modalità di partecipazione. Facendo un'Offerta riceverai gratuitamente "Sovvenire", il periodico che ti informa sulla destinazione dei fondi raccolti e sulle attività della Chiesa Cattolica in Italia e nel mondo.


Per offrire il tuo contributo hai a disposizione 4 modalità:

1 - CONTO CORRENTE POSTALE n. 57803009 – Intestato a: Istituto Centrale Sostentamento Clero, Via Aurelia, 796 – 00165 ROMA. causale: 1011109.
2 - CARTA DI CREDITO - Grazie alla collaborazione con Carta Si i titolari di questa carta di credito possono inviare l'offerta, in modo semplice e sicuro, chiamando il numero verde 800-825000 oppure collegandosi al sito Internet www.sovvenire.it.
3 - VERSAMENTO IN BANCA - Gli sportelli delle principali banche italiane sono disponibili a ricevere un ordine di bonifico a favore dell'Istituto Centrale Sostentamento Clero-Erogazioni Liberali (chiedere informazioni all'impiegato allo sportello della propria banca oppure consultare l'elenco dei numeri di conto corrente su www.offertesacerdoti.it).
4 - ISTITUTO DIOCESANO - Puoi anche effettuare il versamento direttamente presso l'Istituto Diocesano Sostentamento Clero della tua Diocesi presso la Curia Vescovile, Via del Cenacolo 53, 00123 ROMA - La Storta; telefono: 06.30.89.38.48 (digitare interno "2").
Scegli la modalità che preferisci. Ti ringraziamo per la tua Offerta.
L'Offerta è deducibile. II contributo è libero. Per chi vuole, le Offerte per il sostentamento dei sacerdoti versate a favore dell'Istituto Centrale Sostentamento Clero sono deducibili dal proprio reddito complessivo, ai fini del calcolo dell'Irpef e delle relative addizionali, fino ad un massimo di 1032,91 euro annui. L’Offerta versata entro il 31 dicembre di ciascun anno può essere quindi indicata tra gli oneri deducibili nella dichiarazione dei redditi (modelli Unico o 730) da presentare l'anno seguente. Conservare la ricevuta dei versamento per i successivi cinque anni solari.

SOVVENIRE – SERVIZIO PROMOZIONE SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA CATTOLICA

Il Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa Cattolica è stato costituito nel 1989 presso la Segreteria Generale della C.E.I. Il Servizio ha la responsabilità operativa delle iniziative per la promozione del sostegno economico alla Chiesa alla luce della recente riforma concordataria, e quindi per ''l'8xmille'' e per le Offerte per il sostentamento dei sacerdoti.



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu